Christian Death – Romeo’s Distress

Christian Death – Romeo’s Distress

Valor Kand continua a suonare con i Christian Death, ma l’ultimo album risale al 2007. Quindi, non sarebbe il caso di chiudere bottega? Io i Christian Death di Valor li ho ascoltati – fino a Pornographic Messiah – ma … uhm… sono sempre stata una Williamsiana convinta. Per me i Christian Death sono finiti con The Rage of Angels. Definitivamente. C’è stato tutto quel casino ai tempi sul nome, le battaglie legali e via dicendo. Only Theatre of Pain e Catastrophe Ballet rimangono i due migliori album firmati Christian Death, a cui andrebbe aggiunto Dream Home Heartache del 1995 che Rozz Williams realizzò insieme a Gitane Demone.
L’impressione – così a freddo, senza troppo pensare – è che con l’andare del tempo siano rimasti solo la “blasfemia”, il “vuoto”, la volontà di turbare fine a sé stessa. Rozz Williams scandalizzò ai tempi – primi anni ’80 – l’America bigotta e nel confrontare alcune sue fotografie dell’epoca con quelle di Marilyn Manson non è difficile notare una certa somiglianza (o ispirazione), non solo fisica.
Romeo’s Distress è tratta dall’album Only Theatre of Pain, il primo. Se scrivo che è uno dei migliori album mai realizzati, per musica e testi, non mi crede nessuno – manco se lo ascolta – ma lo è.

Leonard Cohen, “Different Sides”

Leonard Cohen, “Different Sides”

Ero un po’ indecisa riguardo al video da mettere. Meglio quello con l’immagine fissa di Cohen? O quello con abbinato il testo?
Alla fine ho optato per una carrelata di fotografie. Tutte donne splendide.

Patti Smith, “Going Under”

Patti Smith, “Going Under”

La prima volta che vidi Patti Smith ne rimasi folgorata: il modo che aveva di muovere le mani, l’abbigliamento casuale, le giacche maschili, i capelli al naturale.

In teoria avrei dovuto mettere “People have the power” perché recitò quella quel giorno, però è stra-conosciuta e quindi ho scelto questa che è comunque dello stesso album.