Antonio Vivaldi “Concerto N. 4, in F. Minor, Op. 8, RV.297, Le quattro stagioni, L’inverno”

Antonio Vivaldi “Concerto N. 4, in F. Minor, Op. 8, RV.297, Le quattro stagioni, L’inverno”

La Primavera non mi piace molto; l’Autunno e l’Estate le dimentico subito dopo averle ascoltate. Ma l’Inverno… quant’è meraviglioso l’Inverno.
Sembra quasi una danza …

NB. No, non è che mi ricordo a memoria tutti i nomi dei brani classici, con numeri e lettere. Me li segno e li recupero se mi servono…

Annunci
Ludwig van Beethoven “Sinfonia N. 7 in A major (Opus 92)” – 2nd Movimento

Ludwig van Beethoven “Sinfonia N. 7 in A major (Opus 92)” – 2nd Movimento

La Settima Sinfonia di Beethoven mi piace molto, soprattutto il secondo movimento.

Mi accorgo di avere una predilizione per gli accordi che si ripetono, forse perché sono ossessivi…Forse la musica delle sfere è proprio così… una manciata di accordi che continuano a ripetersi all’infinito, in eterno, sempre uguale a sé stessi.

Pëtr Il’ič Čajkovskij “Concerto per Violino e Orchestra Op. 35”

Pëtr Il’ič Čajkovskij “Concerto per Violino e Orchestra Op. 35”

Quando Čajkovskij completò la partitura, il violinista Iosif Kotek (che tra l’altro vi aveva collaborato) rinunciò ad eseguirla perché la riteneva troppo difficile; idem per il violinista Leopold Auer.
Il primo violinista che accettò di eseguire questo Concerto (l’unico che Čajkovskij scrisse per violino) fu Adol’f Brodskij che suonò a Vienna il 4 dicembre 1881 (tre anni dopo il suo completamento).
La stampa stroncò il concerto; lo si riteneva rozzo, barbaro. Il violino strideva troppo. Sembrava un baccanale…
Insomma… non certo un successo.

Io credo che il primo movimento sia una delle cose più belle che abbia mai ascoltato.