Terminal Gods “Electric Eyes”

Terminal Gods “Electric Eyes”

Electric Eyes è contenuto in un Ep di tre pezzi, del 2012.
Per chi conosce Andrew Eldritch non potrà non notare le somiglianze.
A me loro piacciono un sacco, come mi piacciono un sacco i Sister of Mercy.
A parte questo EP non mi risulta abbiano pubblicato altro.

Annunci
Anaïs Mitchell “If it’s True”

Anaïs Mitchell “If it’s True”

Dopo che nel precedente brano (Nothing Changes) le Parche hanno preannunciato il suo fallimento, Orfeo chiede se effettivamente non abbia più speranza di riavere con sé Euridice.

Hadestown è un concept album che Anaïs Mitchell pubblicò nel 2010 e incentrato sul mito di Euridice e Orfeo.
Ogni cantante interpreta un personaggio diverso: Anaïs Mitchell è Euridice; Justin Vernon, Orfeo; Greg Brown, Ade; Ani DiFranco, Persefone; Ben Knox Miller, Hermes.
La sua bellezza è completa: voci, musiche, testi. Ho cercato un difetto. Non l’ho trovato.

Anathema “Untouchable, Part. 1 & Part. 2”

Anathema “Untouchable, Part. 1 & Part. 2”

Primo brano (suddiviso in due parti) di Wheater Systems, nono album della band inglese, Anathema.
.
La band descrive l’album come “not background music for parties. The music is written to deeply move the listener“.

I brani sono molto melodici. Se si cerca qualcosa di innovativo, che colpisca, che faccia gridare al miracolo… meglio stare lontani da questo album. Ma a me le cose semplici che ti arrivano al cuore senza passare per il cervello piacciono.

I can see
This life
And what you mean to me

And when I dreamed
I dreamed of you
Then I wake
Tell me what could I do?

I had to let you go
To the setting sun
I had to let you go
And find a way back home

A Perfect Circle “Orestes”

A Perfect Circle “Orestes”

Orestes è un brano contenuto nel primo album degli A perfect Circle, band guidata da Maynard James Keenan e che ha annoverato tra le sue fila musicisti come Troy Van Leeuwen, Danny Lohner, Jeordie White, James Iha e altra gente…
Una di quelle band che vengono definite supergroup – tanto per intenderci.

L’album è stato pubblicato nel 2000, ed è un ottimo album.
Ho sempre pensato che gli A Perfect Circle siano il lato “leggero” dei Tool, il posto dove mettere alcune delle cose che non possono finire nei Tool, altrimenti crollerebbe l’architettura.

La canzone dovrebbe riferirsi all’Oreste mitologico, figlio di Agamennone.
Oreste torna a casa dopo un periodo di esilio per vendicare la morte del padre Agamennone, ucciso a tradimento dalla madre Clitemnestra e dall’amante Egisto.

In questi termini il testo diventa chiaro…

Il desiderio-obbligo di vendetta di Oreste si scontra con il legame, “residuo ombelicale” che “trattiene Oreste dall’uccidere la madre.”

etc…

A un secondo livello, dovrebbe riferirsi al legame con qualcosa che ci impedisce di essere come dovremmo essere: il passato, un’idea, il nostro stesso modo di essere…